Come usare il kit

Il Future Classroom Toolkit consente a dirigenti scolastici, politici del settore dell'istruzione, insegnanti e erogatori di TIC di creare e implementare i Future Classroom Scenarios, che offrono una visione chiara dell'insegnamento innovativo e delle pratiche didattiche. Può essere utilizzato per introdurre o diffondere l'uso innovativo delle TIC in una scuola o in una serie di scuole in un sistema didattico. La ratio di questo progetto è di portare un cambiamento incrementale nel sistema scolastico.

Il toolkit incoraggia la scuola nel suo complesso a usare le TIC adottando le seguenti strategie:

  • Creazione di una visione didattica ambiziosa ma raggiungibile
  • Coinvolgimento di tutti gli stakeholder che si occupano di strategia TIC delle scuole
  • Attenzione alle pratiche pedagogiche avanzate e alla gestione dei cambiamenti
  • Progettazione di Learning Activities coinvolgenti che portino l'innovazione attraverso l'uso delle TIC a supporto dell'acquisizione delle competenze del 21° secolo da parte dei discenti
  • Valutazione dell'uso delle Learning Activities

Qual è lo scopo del toolkit?

Il toolkit può essere usato da quanti si occupano di portare un cambiamento sostanziale nell'insegnamento e nell'apprendimento, in particolare:

  • Dirigenti scolastici e insegnanti: per esempio, quando una scuola sta valutando un investimento nella tecnologia, o un cambiamento nel programma o nell'organizzazione scolastica;
  • Consulenti a livello regionale o nazionale: uno strumento per la gestione del cambiamento, specie quando si utilizza la tecnologia;
  • Provider di tecnologia, consulenti e altri stakeholder: fornire supporto e guida alle scuole su come sviluppare la propria strategia TIC e condurre il proprio sviluppo del prodotto e del servizio.

Come dovrebbe essere usato il toolkit?

Il kit, composto di sei serie di strumenti, ciascuna con una gamma di risorse, può essere adattato ai diversi bisogni e contesti. Le risorse qui contenute possono essere usate in modo indipendente o nell'ambito di un processo completo per lo sviluppo di Future Classroom Scenarios. Il Toolkit può essere utilizzato per portare cambiamento in un'unica classe, nell'intera scuola o, su scala più ampia, nell'intero sistema scolastico.

Innovazione in aula – I Future Classroom Scenarios descritti in questo toolkit e le procedure per crearli e usarli sono stati valutati in oltre 2500 classi in tutta Europa. Essi permettono alle scuole, o a team all'interno di una scuola, di riflettere sulla pratica attuale e di progettare e implementare approcci didattici e di apprendimento innovativi.

Cambiamento su tutto il sistema a livello regionale, nazionale o internazionale – Il toolkit è stato sviluppato nell'ambito di un progetto internazionale che ha coinvolto i politici di oltre 14 nazioni. Gli strumenti si occupano quindi di una serie comune di tendenze e sfide che i decisori devono affrontare quando mettono in campo e implementano un'ampia gamma di tecnologie e soluzione in tutti i sistemi scolastici.

Fornitori di TIC – Il toolkit consente inoltre ai fornitori di TIC di comprendere meglio i bisogni delle scuole e degli educatori. È stato sviluppato, con il supporto della Commissione Europea, in un progetto al quale hanno collaborato i Ministeri dell'Istruzione e i fornitori di TIC. Il toolkit è particolarmente utile nel consentire ai fornitori di collaborare con politici e insegnanti allo sviluppo di una visione condivisa per l'efficace utilizzo e implementazione della tecnologia nell'apprendimento.

Uso degli strumenti individualmente o come procedimento completo

Il toolkit è stato originarimente progettato come procedura completa per creare i Future Classroom Scenarios (FCS) e usarli come spunto e stimolo per la progettazione delle innovative Learning Activities. Ciò non di meno, ciascun set di strumenti ha un valore anche a sé stante, come si vedrà più oltre.

Set di strumenti

Nell'ambito della procedura FCS (a livello scolastico o del sistema didattico)

Come strumenti individuali

1 – Identificare stakeholder e trend

Creare un FCS comporta anzitutto il coinvolgimento di una serie di individui informati, che lavorano per identificare i trend, che rappresentano i mattoni di un FCS. Essi identificano quali cambiamenti presumibilmente influenzeranno le scuole del futuro.

Identificare chi dovrebbe essere coinvolto nella gestione del cambiamento. Le attività di politica didattica dovrebbero essere basate sull'identificazione informata dei trend.

2 – Modello di maturità della Future Classroom

Per creare un utile FCS, è importante valutare la maturità di una scuola nel modo in cui usa le TIC per insegnare e imparare.

L'autorevisione viene utilizzata in molte scuole e nazioni come criterio di valutazione dei progressi nell'adozione efficace delle TIC.

3 – Creare un Future Classroom Scenario

Un workshop live per la creazione di un FCS come visione del cambiamento.

Semplicemente adattare e adottare uno scenario esistente dalla banca di FCS.

4 – Progettare innovative Learning Activities

L'FCS viene utilizzato come fonte di ispirazione per progettare Learning Activities innovative, con la guida e il supporto sull'uso delle tecnologie didattiche.

Un FCS esistente può essere utilizzato per creare una serie di Learning Activities

5 – Valutare l'innovazione in aula

Una volta create, le Learning Activities dovrebbero essere usate per portare cambiamenti reali in aula. Dovrebbero essere valutate per controllare che portino l'innovazione desiderata.

Le Learning Activities esistenti possono essere usate e valutate in aula. 

La Future Classroom Methodology

Il Future Classroom Toolkit fornisce svariati materiali di riferimento, strumenti TIC e altre risorse per guidare gli utenti nella gestione del cambiamento. Questa metodologia assicura che l'impiego delle TIC nelle scuole sia informata da una visione affidabile della classe del futuro e che gli utenti facciano un uso efficace delle TIC a supporto degli approcci pedagogici avanzati.

Il procedimento si basa sul lavoro condotto nel progetto iTEC. Con 26 partner del progetto, fra cui 17 Ministeri dell'Istruzione, e il finanziamento della Commissione europea, iTEC ha investigato e valutato in che modo la tecnologia può essere utilizzata efficacemente nelle scuole e come gli scenari per la classe del futuro possono prendere le mosse dai piccoli progetti pilota per coinvolgere un ampio numero di scuole. Fra il 2010 e il 2014, i Future Classroom Scenarios e le Learning Activities di iTEC sono state testate e valutate in oltre 2500 classi in 19 nazioni europee.

La procedura può essere intesa in diverse fasi.

Fase 1 - Sviluppo di stimolanti Future Classroom Scenarios

Un Future Classroom Scenario (FCS) è una descrizione narrativa dell'insegnamento e dell'apprendimento che fornisce una visione per l'innovazione e per le pratiche pedagogiche avanzate, facendo un uso efficiente delle TIC. L'obiettivo è di ispirare gli insegnanti a cambiare le proprie pratiche didattiche (attraverso l'adattamento delle idee presentate) anziché fornire un programma per le lezioni.

Un Future Classroom Scenario viene creato mettendo insieme diversi stakeholder che hanno diverse prospettive sulle sfide e le opportunità che occorre tenere in considerazione quando si pianifica l'istruzione del futuro. Fra questi stakeholder possono esserci insegnanti, scuole, esperti di didattica, datori di lavoro, genitori, studenti e così via. Il loro ruolo è identificare le importanti tendenze emergenti che avranno un probabile impatto sull'apprendimento e l'insegnamento del futuro. Costoro devono anche valutare il livello di maturità nell'uso delle TIC delle scuole, identificare il livello di maturità auspicato per le diverse scuole.

Queste tendenze e i livelli di maturità vengono utilizzati per guidare il procedimento di scrittura dello scenario, che fornisce una descrizione dettagliata delle attività didattiche e delle funzionalità delle risorse. Lo scenario descrive i ruoli dei discenti, degli insegnanti e degli altri partecipanti, e si concentra sugli approcci avanzati all'apprendimento e all'insegnamento, che supportano i discenti nell'adozione delle competenze del 21° secolo. Un Future Classroom Scenario non è circoscritto alla classe e può aversi in qualunque contesto, ambiente o luogo in cui è possibile l'apprendimento.

Fase 2 – Progettare innovative Learning Activities

I Future Classroom Scenarios sono volutamente fonte di ispirazione, il che significa che forniscono una visione sui contenuti potenzialmente trasmissibili per supportare l'innovazione nell'apprendimento e nell'insegnamento. In virtù di questo non forniscono alcuni dettagli e potrebbero rappresentare una sfida per gli insegnanti che li vogliono implementare.

La seconda fase della Future Classroom Methodology è usare i Future Classroom Scenarios come fonte di ispirazione per la progettazione di Learning Activities che possano essere implementate nella pratica dagli insegnanti. Questo comporta una progettazione collaborativa nella quale gruppi di insegnanti, spesso di diverse materie e con formazioni differenti, lavorano assieme in un workshop di progettazione.

Una Learning Activity è una descrizione concreta di un'unità didattica e di un'esperienza di apprendimento non specificamente incentrata su una materia e che quindi può essere usata da qualunque insegnante. Il procedimento di progettazione collaborativa delle Learning Activities mira a consentire agli insegnanti di trasformare gli scenari didattici in concrete pratiche didattiche da svolgere in aula. Gli scenari forniscono pertanto uno stimolo alla progettazione di innovative Learning Activities.

Fase 3 – Fase pilota e valutazione delle Learning Activities

Nella fase finale, gli insegnanti usano le Learning Activities come input per la pianificazione delle lezioni. Una raccolta di Learning Activities può essere usata in diverse sequenze per trasmettere vari aspetti del programma scolastico. Gli insegnanti devono decidere come e quando usare queste attività, e quali risultati didattici otterranno. L'obiettivo per gli insegnanti è provare approcci all'insegnamento nuovi e più avanzati, e di supportare l'apprendimento. Nell'ambito di questo procedimento, viene fornita una guida all'uso delle risorse e delle tecnologie. Sono stati per esempio sviluppati strumenti a supporto degli insegnanti quando si tratta di trovare e usare risorse e strumenti, riducendo così le barriere all'innovazione.

Nell'ambito dell'utilizzo di questi nuovi approcci viene valutata la somministrazione delle Learning Activities, e gli insegnanti sono invitati a condividere le loro esperienze all'interno di una comunità di pratiche. Questo vuole inoltre essere un processo interattivo, in modo tale che le esperienze con i nuovi metodi e le nuove tecnologie siano di stimolo per ulteriori sviluppi di Future Classroom Scenarios e Learning Activities sempre più innovativi.

Storie degli utenti

Il dirigente scolastico della scuola superiore di Odda (Norvegia), Sven Olaf Brekke, spiega come ha utilizzato il procedimento della Future Classroom sviluppato all'interno del progetto iTEC, per aiutare i suoi insegnanti a innovare.

Tre insegnanti di altrettante nazioni - Spagna, Francia e Portogallo - condividono le loro storie su come le procedure e gli strumenti di Future Classroom (nell'ambito del processo iTEC) li abbiano aiutati a introdurre il principio dell'innovazione della pratica didattica.