Future Classroom Tookit: Glossario

Il glossario definisce la terminologia chiave usata nel Future Classroom Toolkit. Viene indicato anche il luogo del toolkit in cui viene usato il termine.

  • Competenze del 21° secolo (competenze trasversali)
  • Core Group
  • Modello di maturità della Future Classroom
  • Future Classroom Scenario (FCS)
  • Facilitatore Future Classroom Scenario
  • Innovazione
  • Learning Activity
  • Learning Story
  • Scuole pilota
  • Autorevisione
  • Trend
  • Comunità di stakeholder nel suo complesso

Competenze del 21° secolo (competenze trasversali)

Le competenze internazionalmente riconosciute come importanti per i giovani che vivono e lavorano nel 21° secolo. Comprendono creatività, comunicazione, collaborazione, riflessione su di sé e autogestione. Queste competenze, sebbene cruciali per l'economia del 21° secolo, non sono comunemente valutate nei curriculum europei basati sulle materie né nei sistemi di valutazione. I Future Classroom Scenarios dovrebbero essere progettati per includere nuovi metodi di apprendimento e insegnamento, incorporando le opportunità per lo sviluppo delle competenze del 21° secolo.

Le competenze sono tratte da diverse fonti, e in particolare: ATC21S (Assessment and Teaching of 21st Century Skills) e Competenze chiave UE.

Le competenze del 21° secolo sono descritte nel Set di strumenti 3 – Creare un Future Classroom Scenario

Core Group

La creazione di un Future Classroom Scenario richiede l'immissione di idee e informazioni da una serie di persone. Insieme, queste persone formano il Core Group. Il Core Group dovrebbe includere 6-8 individui provenienti da background diversi e dotati di mente aperta, atteggiamento innovativo e buon bagaglio di informazioni. Per esempio, una scuola secondaria che usa il toolkit nell'ambito del suo lavoro sullo sviluppo futuro del curriculum potrebbe avere un Core Group composto da:

  • Esperti di curriculum scolastico – membri dello staff che operano in diversi settori, cioè insegnanti e figure di supporto;
  • Stakeholder del settore politico e strategico – un coordinatore didattico/TIC nazionale o regionale, un dirigente scolastico, genitori e/o rappresentanti del settore industriale locale;
  • Esperti di tecnologia – fornitori di tecnologia o dirigenti TIC della scuola.
  • Tutti i membri del Core Group dovrebbero avere un forte interesse nel supporto dell'innovazione nell'istruzione.

Il Core Group viene presentato nel Set di strumenti 1 – Identificare stakeholder e trend

Modello di maturità della Future Classroom

Il Modello di maturità della Future Classroom si basa sul Modello di maturità dell'innovazione usato nel progetto iTEC. Nel suo ultimo anno, il progetto è stato chiamato con un nuovo nome e creato come strumento di autovalutazione e valutazione online.

Il Modello di maturità della Future Classroom mostra una serie di fasi di maturità progressive nell'adozione della tecnologia didattica a supporto delle pratiche pedagogiche avanzate. Col progredire da una fase a quella successiva, le istituzioni didattiche aumentano la propria maturità. I Future Classroom Scenarios vengono utilizzati per creare una visione dell'apprendimento e dell'insegnamento che porta la scuola a livelli più elevati della maturità della Future Classroom.

Un aspetto cruciale dello sviluppo è lo strumento di maturity-modelling Future Classroom. Prende le mosse dal lavoro condotto nel Regno Unito dalla BECTA, l'ex agenzia pubblica per la tecnologia didattica. Questo strumento è stato sviluppato per consentire di formulare giudizio sui rispettivi livelli di innovazione in scenari sviluppati nell'ambito del progetto e stimolare l'autorevisione. Lo strumento ha cinque livelli o fasi di innovazione e cinque dimensioni. Può essere utilizzato prima della creazione dello scenario per consentire agli stakeholder di revisionare l'attuale integrazione della tecnologia nei contesti specifici e di ispirare le aree in cui gli scenari possono essere innovativi in maniera incrementale. Può essere anche usato come mezzo di valutazione degli scenari esistenti.

Il Modello di maturità della Future Classroom viene introdotto nel Set di strumenti 2 – Modello di maturità della Future Classroom.

Scenario Future Classroom

Un Future Classroom Scenario (FCS) è una descrizione narrativa dell'insegnamento e dell'apprendimento che fornisce una visione per l'innovazione e per le pratiche pedagogiche avanzate, facendo un uso efficiente delle TIC.

Uno Scenario Future Classroom:

  • Tiene in conto tematiche, trend e ostacoli relativi all'attuale sistema scolastico o didattico.
  • Fornisce una descrizione di alto livello delle Learning Activities e delle funzionalità delle risorse.
  • Descrive i ruoli dei discenti, degli insegnanti e di altri partecipanti.
  • Non è circoscritto alla classe e può aversi in qualunque contesto, ambiente o luogo in cui è possibile l'apprendimento.

Lo Scenario Future Classroom viene discusso in tutto il toolkit, e viene presentato in quanto concetto in "Come usare questo kit"

Facilitatore Future Classroom Scenario (Facilitatore FCS)

Il Facilitatore è la persona che guida l'intera procedura di sviluppo dello scenario. Il suo ruolo è quello di prendere i primi contatti con gli altri stakeholder e poi lavorare con loro (usando gli altri strumenti del Toolkit FCS) fino al workshop live in cui viene scritto il Future Classroom Scenario, o ne viene adattato uno esistente. Se il Future Classroom Scenario viene creato per una singola scuola, la persona più adatta a rivestire questo ruolo è il dirigente scolastico o un insegnante esperto e responsabile del programma scolastico o dello sviluppo. Se gli scenari sono prodotti per guidare o informare una strategia nazionale o regionale, allora la scelta dovrebbe ricadere su un coordinatore TIC o su un esperto di curriculum/TIC.

Il Facilitatore Future Classroom Scenario viene presentato nel Set di strumenti 1 – Identificare stakeholder e trend.

Innovazione

Un'innovazione è un cambiamento che porta un risultato positivo nell'apprendimento e nell'insegnamento. Questi risultati positivi finiscono per portare a maggiori successi nell'apprendimento, e includono un miglior coinvolgimento degli studenti, una maggiore inclusione delle competenze del 21° secolo attraverso pratiche pedagogiche più avanzate, un uso più efficace delle TIC, ecc. L'innovazione è un elemento cruciale del Toolkit FCS e si intende peculiare al contesto, cioè a uno scenario di apprendimento considerato innovativo in una nazione o in una scuola ma non necessariamente in un'altra.

L'innovazione è un tema cruciale in tutto il Toolkit Future Classroom.

Learning Activities

Le Learning Activities sono create usando come fonte di ispirazione i Future Classroom Scenarios. Aggiungono dettagli pratici ai Future Classroom Scenarios e forniscono una guida concreta agli insegnanti su come trasmettere in pratica gli approcci descritti negli scenari. Le Learning Activities forniscono dettagli sul ruolo dell'insegnante e del discente, e includono idee per l'uso efficiente delle risorse TIC. Queste Learning Activities non sono incentrate su uno scenario, ma offrono opportunità per lo sviluppo delle competenze del 21° secolo. In termini più concreti, descrivono sessioni singole di interazioni fra discenti.

Le Learning Activities vengono presentate nel Set di strumenti 4 – Progettare Learning Activities innovative

Learning Story

Nelle scuole pilota gli insegnanti usano una selezione di Learning Activities in una sequenza definita. Si può fornire una Learning Story per descrivere la sequenza in cui trasmettere le Learning Activities, il modo in cui sono correlate e alcune informazioni contestuali esemplificative come il programma didattico o la materia e i discenti coinvolti. Le Learning Stories sono utili per aiutare gli insegnanti a pensare a come utilizzare le Learning Activities nelle loro classi, ma non devono essere considerate programmi per le lezioni, ma solo esempi da prendere come spunto. L'innovazione si otterrà solo quando l'insegnante è libero di sviluppare il proprio piano didattico sulla base delle idee fornite nelle Learning Activities e nelle Learning Stories, e non se è limitato da esse. Una tipica Learning Story contiene 3-8 Learning Activities che fanno riferimento alle risorse necessarie a completare ciascuna attività con successo.

Le Learning Stories sono presentate nel Set di strumenti 5 – Valutare l'innovazione in aula.

Scuole pilota

Le scuole pilota testano in concreto le Learning Activities, in una o più scuole. Il tempo che i giovani trascorrono a scuola è una risorsa finita, e dovrebbe essere usato nel modo più accorto possibile. I cambiamenti che ci si attende abbiano un impatto su apprendimento e insegnamento dovrebbero quindi essere come prima cosa testati, specie se comportano un investimento significativo nello sviluppo professionale continuo e nelle risorse. I Future Classroom Scenarios possono essere usati per implementare un cambiamento politico che potrebbe avere un impatto sulle scuole.

Le scuole pilota sono presentate nel Set di strumenti 5 – Valutare l'innovazione in aula.

Autorevisione

Per autovalutare (o autorevisionare) la maturità nell'adozione della tecnologia didattica a supporto delle pratiche pedagogiche avanzate. Gli stakeholder di un'organizzazione devono identificare l'attuale posizione dell'organizzazione su un modello di maturità. Questo è un punto di partenza cruciale per il processo di sviluppo dello scenario.

L'autorevisione viene introdotta nel Set di strumenti 2 – Modello di maturità della Future Classroom.

Trend

Un trend è uno spostamento documentabile e osservabile nel presente, e che ci si attende che continui. Ne sono un esempio gli sviluppi economici, i cambiamenti nella società o nel mondo del lavoro, nelle attitudini e nei comportamenti. Un trend può anche essere collegato alla nascita di tecnologie potenzialmente in grado di cambiare le istituzioni didattiche e l'organizzazione dell'apprendimento; per esempio l'impatto del computing 1:1 (usando i tablet) o il miglioramento dell'accesso a Internet (es. in ogni aula e non solo nel laboratorio informatico). Questi trend costituiscono le fondamenta sulle quali si costruiscono gli scenari. Il toolkit include attività che supportano gli educatori nell'identificare e considerare l'impatto dei tren nel loro contesto locale.

I trend vengono presentati nel Set di strumenti 1 – Identificare stakeholder e trend

Comunità di stakeholder nel suo complesso

La Comunità di stakeholder nel suo complesso aiuta a fornire una comprensione più ampia e informata dei trend e dell'attuale contesto didattico per il quale lo Scenario Future Classroom viene sviluppato. Essa potrebbe comprendere studenti, esperti di didattica, datori di lavoro, membri di altre istituzioni (es. università), rappresentanti di associazioni di categoria (es. associazioni di genitori o gruppi di interesse, ecc.).

Ciascun membro del Core Group dovrebbe identificare il proprio gruppo all'interno della comunità di stakeholder nel suo complesso. Gli insegnanti potrebbero coinvolgere una rete di altri docenti, e/o i propri studenti. I fornitori di TIC potrebbero coinvolgere i colleghi di altri reparti all'interno dell'organizzazione, distributori locali, ecc. Il ruolo della comunità di stakeholder nel suo complesso è fornire idee, opinioni e ulteriori informazioni al Core Group. La comunità di stakeholder nel suo complesso non deve necessariamente incontrarsi di persona, ma può condividere idee e informazioni online.

La Comunità di stakeholder nel suo complesso viene presentata nel Set di strumenti 1 – Identificare stakeholder e trend.